Sostituzione Di Impianti In Turchia

alla Queen Clinic di Istanbul specialisti odontoiatri di spicco.

Leadership Valutata

Eccezionale

Eccellente

trustpilot

Leadership rated

Outstanding

5 out of five star rating on Trustpilot

Risultati sorprendenti

Ho fatto una addominoplastica 3 mesi fa e sono molto soddisfatta dei risultati. Avevo molta pelle flaccida e smagliature da gravidanza e parto, e l’addominoplastica ha rimosso tutto questo e mi ha dato un addome piatto e tonico. Mi sento molto più sicura del mio corpo ora.

Ortensia Vaccarino, 20 ore fa

5 out of five star rating on Trustpilot

Sono molto felice

Sono molto felice di condividere la mia esperienza presso Queen Clinic a Istanbul. Sono venuto dall’Italia per sottopormi a una liposuzione e non potrei essere più soddisfatto dei risultati.

Olga Torelli, 4 giorni fa

5 out of five star rating on Trustpilot

Molto soddisfatto dei risultati

Ho fatto degli impianti dentali 6 mesi fa e sono molto soddisfatto dei risultati. Avevo perso alcuni denti a causa della malattia gengivale e gli impianti dentali hanno ristabilito il mio sorriso. Mi sento molto più sicuro ora quando sorrido.

Gerardo Auletta, 6 giorni fa

5 out of five star rating on Trustpilot

Sono più fiducioso

Sono molto soddisfatto dei risultati del mio trapianto di capelli. Stavo perdendo i capelli da molti anni e stava iniziando a influire sulla mia autostima. Ho fatto delle ricerche e ho trovato un chirurgo di fiducia che ha eseguito la procedura. L’intervento è stato rapido e indolore, e il recupero è stato relativamente facile.

Aquilino Presti, 9 giorni fa

Rated 4.8 / 5 • 361 recensioni

Mostrando le nostre ultime recensioni

Le Ultime Tecnologie

Sfruttando i progressi più avanzati, offriamo ai nostri pazienti i vantaggi di diagnosi, trattamenti e soluzioni all’avanguardia.

Medici Leader Nel Settore

Abbiamo invitato a lavorare con noi solo i migliori e più esperti consulenti e medici della Albania. Un impegno costante verso l’eccellenza.

Consultazione Online Gratuita

Non ci vuole assolutamente nulla per ottenere un consulto gratuito online dai migliori medici del mondo. Abbiamo reso questo processo molto semplice e gratuito per tutti, per sempre.

Affidabile In Tutto Il Mondo

Ogni anno aiutiamo più di 4000 pazienti provenienti da paesi come Stati Uniti, Italia, Inghilterra, Francia, Germania, Spagna, ecc. a migliorare la loro salute e il loro aspetto.

Sostituzione Di Impianti In Sintesi

Numero Di Sessioni

1

Tempo Dell’operazione

2-3 ore

Persistenza Dei Risultati

A vita

Ricovero Ospedaliero

1 giorno

Tempo Di Sensibilità

2 settimane

Tempo Di Ritorno Al Lavoro

2 settimane

Anestesia

Anestesia Generale

Stagione

Ogni Stagione

Contattaci

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Prima E Dopo Il Sostituzione Di Impianti In Turchia

Sostituzione Di Impianti In Turchia – Chirurgia Estetica In Turchia

L’intervento di sostituzione della protesi mammaria in Turchia è un intervento al seno che prevede la rimozione delle vecchie protesi mammarie e la loro sostituzione con nuove protesi. L’intervento può essere eseguito da solo per la correzione di complicazioni o in combinazione con altre procedure, di solito la mastopessi o il lifting del seno. Le protesi mammarie possono inoltre essere sostituite per modificare la forma o le dimensioni del seno nel caso in cui le preferenze cambino nel tempo.

Cosa prevede?

La sostituzione delle protesi avviene generalmente in anestesia generale e dura da una a due ore, a seconda della forma e delle dimensioni delle nuove protesi mammarie, del metodo utilizzato dal chirurgo e dell’eventuale intervento combinato.

Il chirurgo inizia l’intervento eseguendo prima la rimozione della protesi originale attraverso incisioni praticate sulla cicatrice originale. Se il nuovo impianto è identico per dimensioni e forma, la capsula attuale sarà sufficiente e l’intervento di sostituzione potrà essere rapido.

Se invece il nuovo impianto è diverso da quello prototipo, l’intervento è più complicato perché la nuova capsula dovrà essere modificata (ridotta o allargata) per accogliere il nuovo impianto.

Dopo aver inserito il nuovo impianto, il chirurgo cucirà il seno lungo la linea di cicatrizzazione esistente per lasciare una cicatrice minima.

Chi è adatto?

La Queen Clinic ritiene che gli individui siano idonei all’intervento se tutti i criteri sotto elencati sono veri:

  • Non siete soddisfatte del volume, della forma o della posizione delle vostre protesi.
  • Le vostre protesi sono spostate lateralmente, note anche come “bottoming out”.
  • Le vostre protesi si sono deformate (contrattura capsulare) o sono diventate dure al tatto
  • Gli impianti hanno iniziato a muoversi o a ruotare, dando un aspetto diseguale.
  • Le vostre protesi si sono spostate producendo uno spazio tra i seni
  • Le vostre protesi sono state create da PIP e desiderate sostituirle
  • Vi state sottoponendo ad un altro intervento e desiderate che le vostre protesi vengano sostituite nello stesso momento.

Cosa aspettarsi

La consultazione

Il primo passo che seguiamo per tutti i nostri pazienti con protesi implantari è quello di fissare un incontro con il chirurgo che riteniamo più adatto a condurre l’intervento, per un consulto. Durante il consulto, potrete discutere con il vostro chirurgo di ciò che sperate di ottenere dall’intervento e di ciò che potreste o non potreste ottenere, data la vostra anatomia.

Il chirurgo vi presenterà tutte le alternative disponibili e vi suggerirà l’opzione più preferibile in base alle vostre ambizioni dichiarate. Una volta stabilito ciò, verranno effettuate numerose misurazioni chiave e fotografie standard della clinica.

Infine, si terrà una discussione dettagliata sulle complicazioni e sui rischi, nonché su cosa aspettarsi nella fase post-operatoria e di recupero. Verrà inoltre registrata l’anamnesi, compresi gli interventi chirurgici precedenti, le allergie, i farmaci e una valutazione dell’idoneità all’intervento.

Se il chirurgo vi considera un candidato idoneo all’intervento, sarete invitati a riflettere se desiderate proseguire con l’intervento o se volete seguire un periodo di “raffreddamento” di due settimane.

Durante questo periodo sarete più che benvenuti a tornare nella nostra clinica e a discutere con il chirurgo del vostro possibile intervento tutte le volte che vorrete.

Prima della procedura

Se si decide di procedere con l’intervento, la futura visita in clinica dopo la consultazione finale sarà il giorno dell’intervento. Prima del ricovero sono raccomandate/richieste le seguenti modifiche comportamentali:

  • Prima dell’intervento, 6 settimane, si consiglia di smettere di fumare, poiché i pazienti che fumano hanno maggiori probabilità di guarire meno rapidamente e di avere più complicazioni.
  • Prima dell’intervento, 1 settimana, si consiglia di evitare l’assunzione di Aspirina o di qualsiasi altro farmaco che la contenga.
  • Prima dell’intervento, 6 ore, si consiglia di non consumare cibo o bevande, ad eccezione di piccoli sorsi di liquidi chiari come tè nero, caffè nero o acqua liscia, consentiti fino a 2 ore prima del ricovero.

Giorno dell’intervento

Il giorno dell’intervento, vi chiediamo di presentarvi per il ricovero un’ora prima dell’orario di inizio dell’intervento. A questo punto un’infermiera del nostro team verrà a prendere nota della pressione arteriosa e di altri parametri vitali rilevanti, mentre il paziente si incontrerà con il chirurgo e l’anestesista che effettueranno i controlli finali.

L’intero intervento si svolge in anestesia generale per una durata di una o due ore. Il chirurgo praticherà un’incisione attraverso la cicatrice iniziale e quindi rimuoverà e sostituirà le protesi attraverso questo foro nella pelle. Il chirurgo potrebbe ritenere necessario aumentare le dimensioni della capsula e del sito di incisione, nel caso in cui venga utilizzato un impianto di forma diversa o più grande. Successivamente, il chirurgo ricucirà lungo lo stesso sito cicatriziale una volta completato l’intervento.

Recupero dal trattamento

Durante l’intervento non si dovrebbe avvertire molto dolore. È possibile che si avverta un po’ di dolore per un paio di giorni o settimane dopo l’intervento. Se necessario, vi verranno somministrati degli antidolorifici.

Dopo l’intervento, potrete riprendervi nelle nostre strutture di recupero per un periodo compreso tra le due e le tre ore, a seconda della frequenza dell’intervento. Quando il nostro personale infermieristico specializzato deciderà che il recupero iniziale è completo e che siete sicuri di tornare a casa, potrete lasciare la clinica con l’aiuto di un familiare o di un amico.

Quando arriverete a casa, avrete accesso al nostro team infermieristico dedicato e reperibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Questo team si occupa di controllare il vostro dolore e il vostro comfort ed è presente in qualsiasi momento per rispondere a qualsiasi vostra preoccupazione nella fase successiva all’intervento.

Vi chiediamo di recarvi dal nostro personale di assistenza una settimana dopo l’intervento, per assicurarvi che i punti di incisione siano guariti in modo adeguato. A questo punto, il nostro consiglio è di incontrare una delle nostre estetiste in loco per discutere del trattamento in corso per sostenere il processo di cicatrizzazione e di guarigione.

Il paziente è invitato a recarsi dal chirurgo 6-8 settimane dopo l’intervento per un controllo finale.

Domande Frequenti

Fate Una Domanda

Una volta terminata la sedazione o l’anestesia, vi sveglierete in una delle nostre sale di recupero della clinica. Sebbene si possa avvertire una temporanea sonnolenza, questa spesso scompare nel giro di un paio d’ore. Dopo alcune ore di recupero, potrete mangiare e idratarvi. A questo punto, potrete uscire dalla clinica accompagnati da un amico o da un familiare.

Un po’ di dolore e di fastidio sono comuni subito dopo l’intervento. Anche questo svanirà a tempo debito. Il nostro servizio di guardia è aperto 24 ore su 24, 7 giorni su 7, a tutti i pazienti per qualsiasi richiesta o preoccupazione.

Tra i principali vantaggi della chirurgia day case, l’anestesia utilizzata alla Queen Clinic è che il processo di recupero è generalmente molto rapido e i pazienti sono in grado di tornare al lavoro e all’attività fisica molto velocemente dopo l’intervento. Pertanto, il grado di attività deve essere introdotto progressivamente. Si dovrebbe tornare al lavoro entro una o due settimane e all’attività fisica entro quattro-sei settimane.

Il nostro consiglio costante è di tornare prima ad attività a basso impatto, come andare in bicicletta o camminare, prima di poter riprendere attività più estreme come attività aerobiche intense o sollevamento di pesi pesanti.

I risultati finali sono visibili, di norma, circa sei settimane dopo l’intervento, con un miglioramento continuo al di sopra di questo punto, presumibilmente man mano che il processo di guarigione si completa nel corso dei 3 mesi successivi.

Il chirurgo vi fornirà indicazioni specifiche durante la visita.

 

Alcuni particolari elementi dello stile di vita possono influire sull’aumento dei rischi di complicazioni durante e dopo l’intervento. Tra questi vi sono il sovrappeso, l’assunzione di farmaci (per uso medico o ricreativo), il consumo di alcol e il fumo.

L’effetto più comune del fumo prima dell’intervento è che aumenta le possibilità di generare un’infezione e ostacola i naturali processi di guarigione dell’organismo. Invitiamo i nostri pazienti a smettere di fumare e di usare prodotti a base di nicotina almeno sei settimane prima dell’intervento. Si raccomanda inoltre di ridurre il consumo di alcolici. 

Per consigliarvi meglio, il vostro medico discuterà con voi del vostro attuale IMC e del vostro consumo di farmaci.

Le indicazioni di una rottura dell’impianto sono le seguenti:

  • Infiammazione o protuberanza intorno al seno
  • Un’alterazione della forma del seno
  • Dolore, arrossamento e sensazione di bruciore

Nel caso in cui si presentino uno o tutti questi segni di rottura dell’impianto, è necessario rivolgersi a un medico d’urgenza. Per confermare la rottura di un impianto, in genere è necessaria una TAC. Gli impianti rotti devono essere rimossi o sostituiti subito dopo la diagnosi.

L’intervento di sostituzione delle protesi mammarie è una procedura abbastanza semplice. La maggior parte delle protesi può essere rimossa facilmente, anche in anestesia locale. D’altra parte, le protesi rivestite di poliuretano, in particolare le Polytech, possono essere più difficili da estrarre se si vuole eliminare tutta la schiuma di rivestimento. La durata dell’intervento non supera normalmente un’ora o due.

In genere il seno torna alla sua forma e dimensione normale nelle poche settimane successive all’intervento. In alcuni casi, soprattutto per le pazienti più anziane, potrebbe esserci della pelle o del tessuto in più a causa dell’invecchiamento o dello stiramento dovuto alla gravidanza o all’aumento/alla perdita di peso.

Alcune pazienti scelgono di sottoporsi ad una combinazione di interventi allo stesso tempo, come ad esempio una combinazione con un lifting del seno (mastopessi), per assicurarsi che la pelle allentata sia preventivamente tesa intorno al nuovo stampo del seno o esercitata completamente. L’intervento può inoltre garantire una posizione ideale del seno e del capezzolo e una sensazione di maggiore tonicità dopo l’intervento.

La sostituzione della protesi mammaria è diversa dalla rimozione della protesi mammaria per quanto riguarda la sostituzione della protesi e non la sua rimozione nel corso dell’intervento.

Dopo l’asportazione di una protesi mammaria, i tessuti e la pelle torneranno ad essere come erano prima dell’intervento iniziale, il che significa che, con ogni probabilità, non sarà necessario alcun intervento in eccesso per ripristinare l’aspetto precedente.

In alcuni casi, invece, possono essere necessarie alternative di ingrandimento del seno con trasferimento di grasso naturale per compensare l’aspetto di svuotamento o sgonfiamento del seno.

L’intervento di rimozione della protesi mammaria non è necessario dopo un intervento di protesi mammaria e si rende necessario solo in casi rari in cui vi è un’alta probabilità di complicazioni dopo l’intervento. Si può trattare di una protesi mammaria rotta o di una contrattura capsulare.

La nostra richiesta tipica è quella di sottoporsi ad una TAC per confermare l’accaduto, prima di recarsi al consulto per la rimozione della protesi mammaria con il chirurgo.

Le protesi mammarie non hanno bisogno di essere sostituite in nessuna fase successiva all’intervento, poiché non hanno una data di scadenza.

Una sostituzione delle protesi mammarie, o un cambio di impianto, è generalmente necessaria solo quando le protesi mammarie non si sentono più bene o non hanno più un bell’aspetto.

Spesso la sostituzione delle protesi si rende necessaria dopo il parto o a causa del naturale impatto della perdita di peso o dell’invecchiamento. In ogni caso, un seno asimmetrico o cadente può essere rapidamente corretto con un cambio di protesi.

Come già anticipato, le protesi mammarie non hanno una data di scadenza. Non è questo il caso in cui le protesi devono essere sostituite ogni 10 anni. Le protesi devono essere sostituite solo quando si rompono o si rompono. Se le protesi si sentono bene o hanno un bell’aspetto, non c’è alcun motivo apparente per sostituirle.

Le protesi mammarie devono essere sostituite solo quando si rompono o si rompono. La rottura di una protesi mammaria salina comporta una drastica alterazione dell’aspetto del seno, che si sgonfia e cambia dimensioni e forma. Nel rarissimo caso di rottura di una protesi al silicone, le perdite tendono a rimanere all’interno della protesi, per cui la rottura di una protesi al silicone non è sempre visibile. Eppure, una protesi al silicone che perde può causare dolore, gonfiore, intorpidimento, tenerezza o una sensazione di bruciore.

Infine, le protesi possono essere sostituite anche per motivi personali, come il desiderio di cambiare le dimensioni o la forma del seno a causa dell’età, della perdita o dell’aumento di peso, o anche per la nascita di figli.

Le protesi PIP erano una versione economica delle protesi mammarie al silicone che si è scoperto contenere un gel di silicone non approvato con possibili complicazioni per la salute. Inoltre, sono risultate predisposte a spaccarsi e a rompersi fino a sei volte di più rispetto alle protesi approvate di qualità superiore.

Utilizzate prevalentemente da catene di fornitori di prodotti cosmetici a basso costo a causa dei loro prezzi convenienti rispetto ad altre opzioni presenti sul mercato, le protesi PIP sono state utilizzate da oltre 500.000 donne in tutto il mondo. 

Una volta scoperto il problema, numerose donne che avevano ricevuto le protesi PIP hanno voluto sostituirle o rimuoverle del tutto, nonostante non sia stato dimostrato alcun legame diretto con gravi rischi per la salute.

In questo periodo di difficoltà, la Queen Clinic si è distinta per la conduzione degli interventi di sostituzione delle protesi correttive più eccezionali del paese e del mondo, poiché non ha mai utilizzato i prodotti PIP e gode del nome di una delle più note cliniche plastiche ed estetiche specializzate.

La Queen Clinic si è trasformata in un rinomato fornitore di impianti sostitutivi in Turchia, poiché il nostro nome di fornitore affidabile di cosmetici è stato migliorato in seguito al PIP che ha coinvolto molti dei nostri concorrenti.

Essendo una delle pochissime cliniche del paese che non utilizzano prodotti PIP e che insistono sull’uso di prodotti di alta qualità, ci siamo trovati in una posizione di primo piano nel settore delle sostituzioni. 

La sostituzione degli impianti rimane a tutt’oggi uno degli interventi chirurgici più frequenti presso la nostra clinica.

In effetti, la sostituzione di una sola protesi mammaria è possibile. Ad esempio, in caso di rottura della protesi. Il posizionamento della nuova protesi dovrà essere attentamente valutato in modo da mantenere la simmetria con l’altro seno.

Dall’inizio alla fine, l’intero intervento di sostituzione di una protesi mammaria dura da una a due ore. La durata dipende da un’ampia gamma di elementi, tra cui il tipo di protesi utilizzata e il fatto che venga sostituita una o entrambe le protesi. L’intervento viene eseguito in anestesia generale.

Sì, le protesi mammarie possono essere rimosse e sostituite nello stesso momento. Se però è presente un’infezione, il chirurgo chiederà di attendere che questa si risolva prima di inserire le nuove protesi. Questo potrebbe richiedere un totale di tre mesi.

it_ITIT